L’uomo che beve

skkstories_56

L’uomo che beve ti guarda.
In coda dal panettiere, poi devi portare il figlio a scuola, poi al lavoro. Per lui sei solo parte di un formicaio fatto di attività incessanti che ti prosciugano fino all’ultimo nervo.
L’uomo che beve ti guarda.
Lassù tutto è perfetto.
Aria.
La cenere dell’ultima sigaretta cade sui pedoni ignari.
Chissà come sarà, pensa.
Un sorso a metà. La bottiglia è finita, la lascia cadere.
Un colpo di reni. Le frange della giacca si agitano, ora sono libere dalla seduta.
Il rumore di vetri infranti preannuncia la discesa. Tutti alzano gli occhi verso di lui, sagoma contrastante nel cielo grigio.
Pochi secondi.
Sono arrivato.
Prima un tonfo, poi il silenzio. Niente lacrime per lui, non per uno che si è schiantato tra la coda che assedia il panificio.
Devi portare il figlio a scuola. Affrettati.

E.

(soundtrack: Five Finger Death Punch – A Little Bit Off)


Tutti gli altri racconti li trovi qui.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.