Social reality

Il mondo visto con gli occhi di un utente disilluso

social reality, comunicazione, social media

«I social sono un riflesso della realtà».
Constatazione di uso comune. E se la prendessi alla lettera?

«I canniolinih sono melioh dele bberzone», quindi è giusto fargli governare il Paese.

A ogni angolo la “gggente” si laurea all’università della strada. Per l’università della vita, invece, ci si deve rivolgere a vecchi atenei riqualificati.
Mestieri e professioni non esistono più tanto che la “gggente” si sente sufficientemente qualificata per parlare e praticare di tutto, ma solo dopo aver superato un lungo apprendistato presso loro stessi.

Ritrovi pubblici e workshop sulla maternità: come fabbricare gioielli con la placenta, qual è il tatuaggio migliore per esprimere il mio essere mamma, teoria e pratica della “ricottina” ottenuta cagliando il liquido seminale del proprio compagno, scambi di vedute su quale mamma sia più rilassata (dipende dal numero di figli).

Barbieri e parrucchieri lasciano spazio alle botteghe #nuovame: saloni di bellezza in cui tra filtri e nuove acconciature puoi ritrovare te stesso, ma solo dopo aver citato impropriamente Bukowski.

Le librerie straripano di libri sulla lingua e su quanto questa sia misogina e contraria alla diversità. Per risolvere la situazione ognuno decide di adottare il proprio idioma, tanto l’importante non è capirsi ma sentirsi moralmente superiori agli altri.

Viene istituito il CPGCP (Centro Popolare di Giustizia e Censura Parentale) tramite il quale ogni persona è libera di cancellare dalla storia qualsivoglia espressione artistica ritenuta offensiva per la propria sensibilità. Gli artisti colti a trasgredire queste regole arbitrarie vengono presi, messi alla berlina e poi spediti nei #motivationalcamps, campi di lavoro costituiti da file di computer e tablet in cui si produce la vera arte: immagini quadrate riportanti pensierini, versi smelensi e citazioni inseriti in modelli standard di Canva.

In alcune piazze si tengono i “roghi del gender” mentre altre sono gestite dal Ku Klux Klan.
Fucilazione per cacciatori e macellazione per macellai.
Castrazione per chi non usa lo schwa.
Il criminale italiano, invece, è da compatire perché «esasperato dalla situazione attuale».

“Miss Italia” diventa “Miss Donna, madre, italiana, cristiana”.

In palestra nessuno urla più per gli sforzi eseguiti, cosa già deprecabile di per sé, ma si declamano citazioni motivazionali.

I seggi elettorali non chiudono mai, così tutti possonno votare quando meglio credono.

I ristoranti straripano di individui che intrattengono simposi accademici col proprio animaletto del cuore, vestito meglio di loro e che nel mentre piscia sulle scarpe del cameriere che gli ha appena servito una tartare di Kobe.

Malattie guarite con un amen.
Il cancro è un dono: sfruttalo.
Il Covid non esiste oppure è stato creato in laboratorio oppure è una semplice influenza utilizzata come strategia economica per favorire la Cina e i wannabe dittatori.

Perfetti sconosciuti che aggrediscono il prossimo per spiattellargli in faccia la propria opinione, con un annuncio pubblicitario tra una parola e l’altra.
Ehi, ascolta la mia musica!
Ehi, leggi il mio libro!
Cuoricini ovunque, il cielo ne è oscurato.

L’aria è satura di un vociare gallinesco composto da tanti piccoli slogan.

SONO UN’ATTIVISTA VEGANO-FEMMINISTA INTERSEZIONALE!
PER ESSERE BUONƏ DEVI PARLARE E SCRIVERE INCLUSIVƏ!
SCRIVI IL TUO BEST SELLER ANCHE SE NON HAI TEMPO!
IL COVID E I VACCINI SONO STRUMENTI DI DITTATURA!
L’EUROPA APPROVA LA VENDITA DI CARNE DI CANE!
ZITTO, SEI SOLO UN MASCHIO-BIANCO-ETERO-CIS!
LA SICCITÀ È UNA BUGIA DEL GOVERNO LADRO!
È COLPA DEI SOCIAL SE LA GENTE È STUPIDA!
IL CAMBIAMENTO CLIMATICO È UNA BUGIA!
DIFENDIAMO LE NOSTRE TRADIZIONI!
SONO IL TUO CHRISTIAN LIFE COACH!
E ALLORA I GOVERNI PRECEDENTI?!
NOI DONNE SIAMO MULTITASKING!
FACEBOOK È PIENO DI IMBECILLI!
SONO ANNI CHE NON VOTIAMO!
I GIORNALISTI SONO PUTTANE!
I MÅNESKIN NON SONO ROCK!
NON SI PUÒ PIÙ DIRE NIENTE!
GUARDATELO, FA IL MAMMO!
È TUTTA COLPA DELLA NATO!
ANALFABETA FUNZIONALE!
PUTIN EROE NAZIONALE!
È COLPA DELLE BANCHE!
PARLAMENTO ABUSIVO!
CI STANNO MENTENDO!
LA TERRA È PIATTA!
QUANDO C’ERA LUI!
È UN COMPLOTTO!
FA CALDO! PIOVE!
I POTERI FORTI!
PATRIARCATO!
CLIKKA QVI!
MISOGINO!
RAZZISTA!
GUARDA!
ANTIFA!
RUSPA!

Spengo il computer. Poso cellulare e tablet sul tavolo. Pur facendo schifo, la realtà non è poi così male.
Prima di uscire do un’ultima occhiata alla mail. «LA SICCITÀ NON ESISTE! Ecco perché seccano i fiumi. Relatore: Antonio Straccabacucchi, dottore studiato da mio cugggino, cacciato dall’ordine, candidato premio Nobel alla sciiienza mondiale».
Ottimo.

E.


Non ho tirato in ballo TikTok per due motivi: 1) non sono iscritto, 2) per carità.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.