Con mani giunte

skkstories_49

Sono la tua peggiore paura, la tua guerra interiore, la tua mancanza di prospettive.
Sono la minaccia del futuro, il pericolo del presente, la reminiscenza di un passato scomodo.
Sono la conseguenza della tua corsa, del tuo arrivismo, della tua mancanza di scrupoli.
Sono il tuo divertimento annoiato in una notte vuota.
Sono il bracciolo al centro di una panchina che può fare da brandina.
Sono una sigaretta, anzi due.
Sono sette borse di cianfrusaglie.

Comunque vada, mi troverai qui. Ti aspetto al semaforo, così che tu possa vedermi. Non sarò più un invisibile ammasso di ossa e nervi concentrato in coperte troppo fini per lasciare fuori il freddo, non più.
Guardami ora attraverso i tuoi vetri oscurati, guardami ora dai tuoi occhiali da sole, e chiediti se le mie mani sono giunte in preghiera per un attimo di attenzione, un tintinnio in un bicchiere di carta, un obolo per un attimo di calore in una vita fatta di gelo, oppure perché tutto questo possa finire. Un filo d’aria che mi disperde nel fiume; l’ho desiderato più volte, cosa credi. Ricordatene quando mi rivolgerai un cenno sprezzante, quando i tuoi passi veloci esprimeranno una finta ignoranza, quando il tuo cane desidererà alzare una zampa posteriore in mia direzione.

Sono niente, eppure tutto.
Sono l’ultimo, ma anche il primo.
Sono l’inizio, sono la fine.
Sono te.

E.

(soundtrack: Cesária Evora – Besame Mucho)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.