Respiro avido

skkstories_23

Arrivo davanti al portellone. Lo stuart, gentile, mi saluta in italiano con un sorriso e un forte accento ungherese. Lo ringrazio nella sua lingua. Non sono sicuro della pronuncia, ma dai suoi occhi vedo che ho fatto centro.
Ancora un passo. Il più pesante di tutti.
Raccolgo tutte le mie forze ed esco dall’aereo. Respiro avido.
Riconosco questo profumo.
Riconosco questo paesaggio.
Sono a casa…

E.

(soundtrack: Måneskin – Torna a casa)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.